giovedì 27 novembre 2014

Anche Wootton saluta, per lui c'è il prestito al Rotherham


Invertendo l'usanza delle ultime stagione si è chiuso senza nessun acquisto il mercato dei prestiti. Il Leeds ha anzi fatto partire un altro giocatore, il terzo in due giorni: Scott Wootton è infatti passato al Rotherham fino al 10 gennaio prossimo. Il difensore prelevato la scorsa estate dal Manchester United (si è parlato di 1 milione di sterline per il suo cartellino) era ormai diventato una quarta scelta, dopo gli arrivi estivi di Bellusci, Cooper e Del Fabro. Nella passata stagione Wootton ha collezionato 23 presenze, rendendosi utile specialmente quando McDermott decise di adottare la difesa a tre. Nell'annata in corso invece sono solo 4 le sue presenze, l'ultima gara giocata risale ad agosto quando contro il Bolton venne schierato da terzino destro.




Con le partenze di Hunt, Ajose e Wootton il club ha centrato l'obbiettivo di sfoltire la rosa a disposizione di Redfearn. Peccato non sia stato possibile piazzare almeno un colpo in entrata; un esterno offensivo o un centrocampista di grande esperienza avrebbero sicuramente fatto comodo.

Hunt va all'Ipswich, anche Thompson e Wootton potrebbero partire

Altra uscita in casa Leeds: Noel Hunt passa in prestito all'Ipswich Town fino al prossimo 3 gennaio. L'attaccante arrivato a parametro zero dal Reading nell'estate 2013, espressamente voluto da McDermott, si unirà ai Tractor Boys dove dividerà lo spogliatoio con il fratello Stephen. Arrivato a Elland Road con grandi aspettative Hunt, anche a causa di problemi fisici, ha disputato una prima stagione molto deludente, nella quale ha collezionato 20 presenze e nessuna rete seganta. In questa stagione ha disputato solo 2 spezzoni di gara con la prima squadra ed ha spesso “rinforzato” la development squad, mostrando comunque grande professionalità. Il prossimo 6 dicembre, in occasione della gara di Portman Road tra Ipswich e Leeds, Hunt non potrà essere schierato da Mick McCarthy.

Nella conferenza stampa prima della gara contro il Derby County, mister Redfearn ha confermato che anche Thompson e Wootton potrebbero partire in queste ultime ore di mercato, mentre sembra abbastanza difficile l'arrivo di qualche volto nuovo, anche se l'ipotesi Knockaert rimane sul tavolo.

Ajose ceduto in prestito al Crewe




Nick Ajose lascia il Leeds e passa in prestito, fino al 5 gennaio, al Crewe Alexandra. L’attaccante arrivato in estate, espressamente richiesto da mister Hockaday, era ormai diventato una figura marginale della squadra ed ha accettato il trasferimento in League One dove potrà tornare a mettere minuti nelle gambe. Dopo le 4 presenze di inizio stagione infatti l’ex Peterborough era uscito dai radar e né con Milanic, né con Redfearn ha più trovato spazio in squadra. Ajose in estate ha firmato un contratto triennale con il Leeds, probabile tuttavia che a gennaio, al termine del temporaneo passaggio al Crewe, per lui possano aprirsi le porte per un nuovo trasferimento.

La partenza di Ajose è solo la prima in questo mercato dei prestiti. Redfearn nei giorni scorsi aveva fatto capire che prima della chiusura, prevista per oggi pomeriggio alle 18, avrebbe visto di buon occhio la cessione di altri giocatori. Hunt, Murphy e Wootton potrebbero essere i prossimi a salutare Thorp Arch, sperando che queste partenze possano aprire all’arrivo di almeno un giocatore.

lunedì 24 novembre 2014

Che beffa ad Ewood Park...

A Blackburn il Leeds butta via una gara che aveva in pugno e subisce una sconfitta che sa tanto di beffa. In vantaggio con Doukara nel primo tempo, lo United patisce il ritorno dei Rovers, complice soprattutto l’errore di Silvestri che al 71’ rianima le speranze dei locali. Il rigore concesso dall’arbitro all’88’, dopo l’evidente tuffo di Varney, completa la rimonta e costringe i ragazzi di Redfearn a far ritorno dal Lancashire con tanta amarezza e 0 punti in classifica.

Dopo la sosta il Leeds riparte dall’XI che ha battuto il Blackpool. Bellusci rientra dalla squalifica ma si accomoda in panchina, lasciando spazio alla coppia Cooper-Pearce. Warnock e Byram sono i terzini. Anche Austin, tornato venerdì dalla Giamaica, si accomoda in panchina, a centrocampo Cook, Mowatt e Bianchi compongono il terzetto titolare. Adryan è il trequartista alle spalle del duo Antenucci-Doukara, con Sharp in panchina.

Inizia meglio il Blackburn che nelle battute iniziali prende possesso del gioco, ma Silvestri non compie nessuna parata. È invece Steele a dover uscire dai pali per stoppare l’iniziativa di Adryan, bravo a inserirsi nella difesa avversaria. Marshall ci prova dalla distanza ma la sua conclusione finisce a lato. Poco dopo Cairney raccoglie il cross dalla sinistra di Marshall e dal limite dell’area colpisce la parte superiore della traversa. Al 27’ Marshall taglia alle spalle di Byram, entra in area, ma trova la respinta di Silvestri. Alla mezz’ora Steele si supera per negare ad Adryan la prima rete con la maglia del Leeds. Il brasiliano riceve l’appoggio di Mowatt e dai 25 metri calcia sul secondo palo. L’estremo dei Rovers si allunga e mette in angolo l’insidiosa parabola. Sugli sviluppi del corner Cook conclude da fuori, il tiro deviato da un difensore termina nuovamente in angolo. Adryan si incarica della battuta, la difesa del Blackburn non riesce a liberare e la palla finisce sui piedi di Doukara che in girata trova la rete. È il minuto 33 e il Leeds passa a condurre. Poco dopo sugli sviluppi di un corner il Leeds è ancora pericoloso, ma Pearce non indirizza bene il colpo di testa.

La ripresa si apre con il Blackburn che aumenta la pressione e costringe il Leeds nella propria metà campo. Cooper e compagni però si chiudono bene e quando recuperano palla si rendono pericolosi dalle parti di Steele. Cook ci prova dal limite dell’area, ma il suo destro è centrale. La gara si fa sempre più veloce con continui rovesciamenti di fronte. Rhodes chiama alla parata Silvestri che mette in corner la girata dell’attaccante scozzese. Anche Gestede va alla conclusione da dentro l’area, ma il suo sinistro finisce a lato. Al 71’ ecco il patatrac: palla in verticale del Blackburn, Cooper copre l’uscita di Silvestri, ma il portiere arriva troppo timidamente all’impatto con la palla che rimbalza sullo stinco di Rhodes e per l’attaccante è un gioco da ragazzi mettere in rete. L’errore, molto simile a quello contro il Cardiff, cambia il corso del match. Bellusci entra al posto di Bianchi e si piazza davanti alla difesa, per contenere l’impatto degli avversari. L’ex Varney ci prova di testa, ma la sua deviazione non impensierisce Silvestri. La grande occasione capita però al Leeds che in contropiede con Antenucci, servito da Adryan, colpisce il palo alla destra della porta difesa da Steele. All’81’ tuttavia la fortuna sembra finalmente strizzare l’occhio allo United. Cairney, già ammonito, riceve il secondo giallo, e lascia i suoi in 10. All’88’ la partita prende una svolta insperata: Varney punta Byram e si lascia cadere, l’arbitro cade nel tranello e concede il rigore. Rhodes dagli 11 metri spiazza Silvestri e porta i suoi avanti. Lo United ci prova nei 5’ di recupero ma, pur in superiorità numerica, non riesce a creare un’ultima chance.



Formazioni

Blackburn: Steele, Baptiste, Hanley, Duffy, Olsson, Cairney, Evans (Taylor 89), Williamson (Tunnicliffe 65), Marshall, Rhodes, Gestede (Varney 73). Subs. Eastwood, Henley, Dunn, Conway.

Leeds: Silvestri, Byram, Pearce, Cooper, Warnock, Mowatt, Cook (Sharp 88), Bianchi (Bellusci 76), Adryan, Doukara, Antenucci. Subs. S Taylor, Berardi, Austin, Tonge, Dawson.

Marcatori: Doukara al 33’, Rhodes al 71’ e 87’ (pen).

giovedì 20 novembre 2014

Austin guida la Giamaica alla vittoria nella Carribean Cup



Il break per le nazionali riconsegna al Leeds un Rudy Austin pienamente recuperato e in ottima forma. Il centrocampista ha infatti preso parte al successo della nazionale giamaicana nella Carribean Cup e nella scorsa notte, da capitano, ha alzato il trofeo davanti al pubblico del Montego Bay Sports Complex. 

Nella finale i Reggae Boyz hanno battuto ai calci di rigore Trinidad e Tobago, dopo che i supplementari erano terminati sullo 0 a 0. Austin ha realizzato il penalty decisivo che ha fissato il punteggio sul 4 a 3. Rudy è stato premiato anche come Man of the match della finale ed ha ricevuto il riconoscimento di miglior giocatore della manifestazione, un premio vinto anche nell’edizione 2010. 

Il successo nel torneo garantisce alla Giamaica il pass per la Copa America del 2016, che si giocherà negli Stati Uniti.

martedì 11 novembre 2014

U21's PDL: Phillips e Montenegro a segno, ma con il Forest finisce in parità



A Wilford Lane, nella casa del Nottingham Forest, la development squad guidata da Jason Blunt pareggia per 3 a 3 e, seppur con rammarico, porta a casa un buon punto. Dawson, Del Fabro, Montenegro e Thompson sono gli unici con esperienza di prima squadra presenti nell’XI inziale.

Pesa sul risultato finale l’espulsione rimediata sul finire del primo tempo da Del Fabro, per uno scontro con un avversario a palla lontana, con lo United in vantaggio di due reti. La doppietta di Phillips infatti aveva portato avanti il Leeds nel corso dei primi 45’: per il centrocampista riccioluto altri due gol di pregevole fattura, il primo in rovesciata e il secondo su punizione. Con l’uomo in più i locali accorciano le distanze, ma Montenegro (ancora in rete l’attaccante paraguaiano) ristabilisce le distanze. Il match continua ad essere aperto e a 25’ dalla fine il Forest, con Riera, trova il 3 a 2. L’assalto finale dei locali porta al 3-3, con Veldwijk che da distanza ravvicinata trova il tocco vincente.


Leeds: Grimes, Booker, Del Fabro, Skelton, Denton, Purver, Phillips, Thompson, Dawson, Parkin, Montenegro. Subs: Atkinson, Lyman, Bennett, McDaid, Mulhern.