giovedì 20 novembre 2014

Austin guida la Giamaica alla vittoria nella Carribean Cup



Il break per le nazionali riconsegna al Leeds un Rudy Austin pienamente recuperato e in ottima forma. Il centrocampista ha infatti preso parte al successo della nazionale giamaicana nella Carribean Cup e nella scorsa notte, da capitano, ha alzato il trofeo davanti al pubblico del Montego Bay Sports Complex. 

Nella finale i Reggae Boyz hanno battuto ai calci di rigore Trinidad e Tobago, dopo che i supplementari erano terminati sullo 0 a 0. Austin ha realizzato il penalty decisivo che ha fissato il punteggio sul 4 a 3. Rudy è stato premiato anche come Man of the match della finale ed ha ricevuto il riconoscimento di miglior giocatore della manifestazione, un premio vinto anche nell’edizione 2010. 

Il successo nel torneo garantisce alla Giamaica il pass per la Copa America del 2016, che si giocherà negli Stati Uniti.

martedì 11 novembre 2014

U21's PDL: Phillips e Montenegro a segno, ma con il Forest finisce in parità



A Wilford Lane, nella casa del Nottingham Forest, la development squad guidata da Jason Blunt pareggia per 3 a 3 e, seppur con rammarico, porta a casa un buon punto. Dawson, Del Fabro, Montenegro e Thompson sono gli unici con esperienza di prima squadra presenti nell’XI inziale.

Pesa sul risultato finale l’espulsione rimediata sul finire del primo tempo da Del Fabro, per uno scontro con un avversario a palla lontana, con lo United in vantaggio di due reti. La doppietta di Phillips infatti aveva portato avanti il Leeds nel corso dei primi 45’: per il centrocampista riccioluto altri due gol di pregevole fattura, il primo in rovesciata e il secondo su punizione. Con l’uomo in più i locali accorciano le distanze, ma Montenegro (ancora in rete l’attaccante paraguaiano) ristabilisce le distanze. Il match continua ad essere aperto e a 25’ dalla fine il Forest, con Riera, trova il 3 a 2. L’assalto finale dei locali porta al 3-3, con Veldwijk che da distanza ravvicinata trova il tocco vincente.


Leeds: Grimes, Booker, Del Fabro, Skelton, Denton, Purver, Phillips, Thompson, Dawson, Parkin, Montenegro. Subs: Atkinson, Lyman, Bennett, McDaid, Mulhern.

lunedì 10 novembre 2014

Tre reti in 45': il Leeds torna alla vittoria


 
Un primo tempo spumeggiante, e una ripresa al piccolo trotto, regalano al Leeds l’attesa vittoria che pone fine a una striscia di 8 gare senza successi. Cooper, Doukara e Antenucci chiudono i conti già nei primi 45’ contro il fanalino di coda Blackpool e regalano un sorriso, e tante speranze per il futuro, al popolo di Elland Road. Davvero convincenti i primi 45’, nei quali la squadra di Redfearn ha dettato senza soste i tempi della manovra, aggredendo gli avversari nella propria metà campo e deliziando i 23mila presenti sugli spalti con giocate di assoluto livello. Fantastica l’azione della seconda rete, conclusa con un diagonale da Doukara, dopo un’azione corale che ha visto la partecipazione di Byram, Antenucci e Adryan. Nella ripresa lo United ha tolto il piede dall’acceleratore, regalando la rete della bandiera agli avversari e fallendo almeno due facili occasioni per arrotondare ancora di più il punteggio.

Con Bellusci squalificato Redferan conferma Cooper al centro della difesa, affiancandogli il rientrante Pearce. Warnock e Byram completano la linea difensiva. A centrocampo Mowatt e Bianchi fanno da spalla a Cook, con Adryan vertice avanzato. In attacco il neo papà Antenucci fa coppia con Doukara. Si rivedono in panchina Sharp e Austin, mentre per Del Fabro è la prima volta nei 18.

L’inizio è di marca Whites. Il Leeds parte con il piglio di chi, conoscendo le difficoltà dell’avversario, vuole subito mettere in chiaro la situazione. Antenucci impegna dopo pochi minuti Lewis con un diagonale dalla destra. L’asse di sinistra funziona alla perfezione: Warnock si infila nella difesa avversaria, ma da posizione angolata trova il corpo del portiere avversario. Il gol è nell’area e al 9’ Cooper sblocca il risultato. Il difensore raccoglie una respinta della difesa ospite e di sinistro, da fuori area, supera Lewis. Per l’ex Chesterfield, alla seconda consecutiva da titolare, è la prima rete con la maglia del Leeds. 7’ dopo Antenucci, solo davanti al portiere, è disturbato al momento della conclusione e mette fuori di un nulla. Al 23’ è però il Blackpool a rendersi pericoloso, ma l’intervento sulla linea di Pearce è provvidenziale per evitare la rete. Il pericolo è una sveglia per lo United che riprende a giocare come fatto nei primi minuti e al 31’ raddoppia. Byram triangola con Adryan, tocca per Antenucci che innesca la cavalcata del giovane brasiliano. Il numero 9 corre per 50 metri palla al piede e al limite dell’aria avversaria allarga per Doukara che di destro anticipa l’avversario e supera Lewis. Un gol bellissimo, frutto di un’azione corale davvero entusiasmante. Il raddoppio non ferma l’impeto del Leeds che a 3’ dall’intervallo trova la rete del 3 a 0. Mowatt tocca per Doukara che da posizione defilata tocca al centro, la palla rimpallata finisce sui piedi di Antenucci. Il neo papà calcia dal limite dell’area e, grazie anche a una deviazione, festeggia la nascita di Camilla nel miglior modo possibile.

Con il risultato acquisito il Leeds entra in campo nella ripresa con l’intento di gestire il triplo vantaggio. Quando però i ragazzi di Redfearn decidono di affondare creano sempre pericoli alla porta di Lewis, fallendo la quarta marcatura soprattutto per poca cattiveria. Bianchi mette al centro un pericoloso cross su cui Antenucci arriva in leggero ritardo. Il Blackpool cerca almeno il gol della bandiera e Ranger, attaccante in estate accostato al Leeds, di testa mette di poco a lato. Redfearn sostituisce un ottimo Adryan con Austin e un acciaccato Bianchi con Tonge. Al 75’, di testa sugli sviluppi di un corner, Ranger trova la rete del 3 a 1. Il Leeds si scrolla di dosso il torpore degli ultimi minuti e prova il poker. Austin va via sulla destra, mette al centro per Antenucci che calcia di destro, il portiere, con affanno, salva e d evita il tap-in di Doukara. Nel finale c’è spazio anche per Sharp, ma il risultato non cambia. Dopo 8 gare, finalmente, il Leeds torna alla vittoria.



Formazioni

Leeds: Silvestri, Byram, Cooper, Pearce, Warnock, Cook, Mowatt, Bianchi (Tonge 70), Adryan (Austin 64), Doukara, Antenucci (Sharp 89). Subs. S. Taylor, Berardi, Del Fabro, Dawson.

Blackpool: Lewis, Lenihan, Daniels, Clarke, Dunne, Blackman (O'Hara 17), Perkins, Lundstram (Mellis 69), Orlandi (Ranger 45), Murphy, Miller. Subs. Parish, Cywka, Zoko, Delfouneso.

Marcatori: Cooper al 9’, Doukara al 31’, Antenucci al 42’, Ranger al 75’

mercoledì 5 novembre 2014

La doppietta di Mowatt non basta; il Charlton strappa un pari ad Elland Road


In casa Leeds l'appuntamento con la vittoria è ancora rimandato. Contro il Charlton, nonostante il doppio vantaggio, lo United non riesce a portare a casa l'intero bottino e deve accontentarsi di un solo punto, allungando a 8 la striscia di gare senza vittorie. Pesa sull'economia del match il generoso rigore fischiato agli ospiti a 9' dalla fine. Una trattenuta, quella di Bellusci, che il fiscalissimo arbitro ha ritenuto fallosa nonostante il contatto, rivisto al replay, non appaia così netto. La doppietta di Mowatt (3 gol in 2 gare) e il buon gioco proprosto dalla squadra rappresentano le note liete della serata. Tuttavia gettare alle ortiche due punti, a così pochi minuti dalla fine, costituisce un difetto che, al più presto, andrà sradicato.

Redfearn recupera Adryan e ripropone il 4-3-1-2, accantonando il tridente visto a Cardiff. Il brasiliano si piazza alle spalle della coppia Antenucci-Doukara. La squalifica di Pearce rilancia Cooper titolare, l'ex Chesterfield fa coppia con Bellusci al centro della difesa. Capitan Warnock e Byram sono i terzini, con Berardi che si accomoda in panchina. A centrocampo, ancora out Austin, confermato il terzetto Bianchi-Cook-Mowatt. Morison, febbricitante, non è nei 18.

Il Leeds si rende pericoloso dopo appena 4'. Cross di Bianchi dalla destra, Doukara in spaccata anticipa i difensori avversari, ma il suo tocco è di poco fuori. Antenucci ci prova di destro, ma la sua conclusione, deviata, è facile preda di Henderson. Il Charlton con il passare dei minuti riesce a prendere le misure allo United e con Tucudean va alla conclusione, senza tuttavia creare pericolo a Silvestri. Al 28' Warnock salva sulla linea, dopo un'errata uscita di Silvestri, ed evita il vantaggio degli ospiti. Passato il pericolo è di nuovo il Leeds a rendersi percioloso. Mowatt ci prova da fuori area di sinistro, ma il suo tiro è deviato in angolo da Henderson.

In avvio di ripresa il Leeds passa in vantaggio. Cross dalla sinistra di Warnock, la difesa respinge sui piedi di Mowatt che addomestica il pallone al limite dell'area e fa partire un sinistro su cui il portiere del Charlton non può nulla. Il vantaggio dà entusiasmo allo United che con Antenucci tiene in costante apprensione la difesa ospite. Al 62' però il Charlton pareggia. Cross dalla sinistra, Cooper respinge corto, Gudmundsson raccoglie la sfera e con un tiro sul primo palo batte Silvestri. Il Leeds si ributta all'attacco e dopo appena 5' ritrova il vantaggio. Warnock tocca per Mowatt che dal limite dell'area trova un'altra parabola perfetta: 2 a 1 e prima doppietta in carriera per il 19enne centrocampista. Redfearn sostituisce un positivo Adryan con Sloth a 17' dalla fine e il Leeds continua a controllare il match, seppur non riuscendo a trovare il gol della tranuqillità. Antenucci prima e Doukara poi hanno infatti sui piedi la palla del 3 a 1 ma le loro conclusioni finiscono tra le braccia di Henderson. Al minuto 81' accade l'imprevisto. Corner del Charlton, l'arbitro vede una trattenuta di Bellusci ai danni di un avversario e decreta il penalty. Dagli 11 metri Gudmundsson fa doppietta e ristabilisce la parità. Il Charlton pur in 10 uomini nel finale di gara, per l'infortunio di Wiggins, si difende con ordine. Byram ci prova con un tiro-cross che Henderson alza in angolo. Nel recupero Redfearn butta nella mischia anche Montenegro, il paraguaiano aumenta il potenziale offensivo, ma il 2 a 2 non si schioda.


Formazioni

Leeds: Silvestri, Byram, Bellusci, Cooper, Warnock, Cook, Mowatt, Bianchi (Montenegro (90+1), Adryan (Sloth 73), Doukara, Antenucci. Subs. S. Taylor, Berardi, C Taylor, Tonge, Dawson.

Charlton: Henderson, Wilson, Wiggins, Ben Haim, Bikey, Gudmundsson, Buyens (Coquelin 60), Jackson, Cousins, Harriott (Onyewu 78), Tucudean (Vetokele 52). Subs. Pope, Moussa, Fox, Ahearne-Grant.

Marcatori: Mowatt al 49' e 67', Gudmundsson al 62' e 81' (pen).

martedì 4 novembre 2014

U21's PDL: Mulhern decide il derby contro le Owls



Un gol nei minuti finali di Frank Mulhern regala il successo al Leeds nel derby contro lo Sheffield Wednesday e i primi 3 punti a mister Jason Blunt, promosso alla guida della development squad dopo il passaggio di Refearn alla prima squadra. Sono solo tre i “vecchi” presenti nell’XI iniziale: l’attaccante Noel Hunt, il centrocampista Zac Thompson e il difensore Dario Del Fabro.

Sul finire del primo tempo è proprio Hunt a sbloccare il risultato, con una conclusione da dentro l’area. Le Owls pareggiano al 70’ su calcio di rigore, ma a 5’ dal termine Mulhern, entrato dalla panchina, con un tocco sotto misura riporta lo United avanti.


Formazione: Grimes, Booker, Skelton, Del Fabro, Denton, Purver, Thompson, Phillips, Hunt, Parkin, Stokes. Subs: Atkinson, Berry, Mulhern, McDaid, Lyman.