mercoledì 24 agosto 2016

Il primo gol di Denton manda il Leeds al 3° turno

Un destro all'incrocio dei pali dell'esordiente Tyler Denton regala al Leeds United la vittoria contro il Luton Town e il conseguente passaggio al 3° turno di League Cup. Dopo la vittoria nel derby di Hillsbrough la squadra di Monk trova un altro successo, il secondo consecutivo, e si prepara alla gara contro il Nottingham Forest, l'ultima prima della sosta, con il morale alto. Pur soffrendo, il Luton nel secondo tempo spreca almeno un paio di ottime occasioni, lo United centra un obbiettivo che mancava ormai da diversi anni. Si attende ora il sorteggio, con la speranza di un big-match sotto le luci di Elland Road. 

Dopo le fatiche di sabato Monk cambia 11 giocatori. Il turnover totale coinvolge anche Green che lascia la porta a Silvestri, all'esordio stagionale dopo la difficile e tormentata estate. In difesa fanno l'esordio il centrale Jansson e Denton. Bamba e Coyle completano la linea a quattro. Esordio stagionale anche per Murphy che in mediana affianca Grimes. Sugli esterni ci sono Dallas e Hernandez, mentre il tandem d'attacco è composto da Doukara e Roofe.   

Formazioni 

Luton Town: Walton, O’Donnell, Mullins, Rea, Potts, Lee (Vassell 75), McGeehan, Smith, Gray (Cook 57), Hylton (Mpanzu 66), Marriott. Subs: King, Justin, Cuthbert, McQuoid. 

Leeds United: Silvestri, Coyle, Jansson (Cooper 74), Bamba, Denton, Murphy (Phillips 57), Grimes, Hernandez (Mowatt 67), Dallas, Roofe, Doukara. Subs: Green, Ayling, Sacko, Antonsson. 

Marcatori: Denton al 23'.

lunedì 22 agosto 2016

U23: A Cardiff arriva la prima sconfitta

Dopo il 5 a 2 interno contro il Coventry la development squad di Jason Blunt incappa nella prima sconfitta stagionale. Sul Campo del Cardiff City il Leeds United viene battuto per 2 a 1. Al vantaggio gallese dopo meno di 10' risponde Mulhern su rigore al 55'. I locali però ritrovano la rete a 9' dal termine e conquistano l'intera posta in palio.


Under-23s team vs Cardiff City: Peacock-Farrell, M Taylor, P McKay, Kitching, Pearce, Oduor, Shackleton, Whitehouse (Nicell 50), Stokes (Wollerton 50), Wilks, Mulhern. Subs: Richardson, Downing, Knight.

sabato 20 agosto 2016

A Hillsbrough arriva la prima vittoria

Il derby contro lo Sheffield Wednesday regala il primo sorriso stagionale. Al termine di un match ben giocato i ragazzi di Monk conquistano l'intera posta in palio e compiono un ulteriore passo nella giusta direzione. Bene la prestazione, ottimo il risultato, due reti segnate, un gioco finalmente convincente, il primo clean sheet della stagione: ci sono davvero tutti i motivi per sorridere e per iniziare a intravedere la luce dopo un avvio di Championship molto stentato.

Monk sceglie il 4-4-2 con il chiaro intento di colpire gli avversari sulle fasce. In porta c'è Green, con Silvestri che scalza Turnbull e si siede in panchina. Confermata la difesa con Ayling, Taylor, Bartley e capitan Cooper; l'ultimo arrivato Jansson va in tribuna. Bridcutt è invece subito in campo, nel cuore della mediana, al fianco di Vieira. Mowatt e Sacko sono le ali, con Antonsson e Wood a fare coppia in attacco.

La gara è subito intensa e il Leeds prova fin dai primi minuti ad affacciarsi dalle parti di Westwood: Wood mette al centro per Antonsson ma il cross è leggermente alto per l'attaccante svedese. Al 5' è Taylor a provare il tiro da fuori, la sua conclusione è rimpallata da un difensore. Passati i primi 10' i locali iniziano a prendere le misure e con Forestieri creano un paio di grattacapi a Green e compagni. Al 15' è Taylor a chiudere in scivolata sull'attaccante italiano. Al 18' l'ex Watford si presenta solo davanti a Green ma mette a lato. Un minuto dopo è ancora il numero 45 ad andare vicinissimo al gol ma Cooper, sulla linea di porta salva il tiro a botta sicura del giocatore delle Wendies. Passato il momento di pressione Sacko inizia a la sua personale sfida contro Pudil: l'esterno del Leeds, sulla corsia di destra, sarà un fattore decisivo nella gara e le sue discese una costante minaccia per la difesa avversaria. L'esterno ex Sporting Lisbona riceve da Bridcutt salta il diretto marcatore, ma mette al centro un pallone troppo forte per gli attaccanti. Al 23' Mowatt mette al centro per Wood, ma l'incornata del neozelandese termina a lato. La gara è viva e giocata a viso aperto da entrambe le squadre. Il Leeds tiene botta a un avversario molto forte e mostra ulteriori miglioramenti rispetto all'ultima gara. Bridcutt in mezzo al campo e la presenza di Cooper in difesa sono un fattore fondamentale nello scacchiere tattico di Monk, ma è Sacko l'uomo in più di giornata, nonostante alcuni errori tecnici. Su imbeccata di Vieira il numero 24 sbaglia l'ultimo tocco e vanifica una buona occasione. Al 36' cross dalla destra, sempre di Sacko, Wood al volo colpisce un difensore avversario. Al 41' Cooper stende Abdi al limite dell'area. Il centrocampista si incarica della battuta e colpisce la parte superiore della traversa. La prima frazione di gioco si chiude con l'ottima chiusura di Pudil sull'ennesima iniziativa di Sacko; il difensore locale anticipa Wood e nega all'attaccante un facile tap-in.

Lo Sheffield Wednesday inizia con furore la ripresa e costringe il Leeds a difendere su una serie di corner consecutivi. Green è però molto attento e le sue uscite vanificano i tentativi delle Owls. Al 59' il Leeds si rifà vivo dalle parti di Westwood: Antonsson allarga per Sacko che calcia a lato. 4' dopo lo United passa in vantaggio: Taylor tocca per Wood che fa correre Sacko sulla corsia, l'esterno scambia con Ayling dentro l'area avversaria e pennella sul secondo palo dove Antonsson di testa insacca. I locali rispondono immediatamente con Fletcher che supera Cooper, tocca per Hooper, ma Green in uscita respinge. Le tribune di Hillsbrough iniziano a spazientirsi: i locali faticano tremendamente a trovare uno spiraglio nella difesa del Leeds e mostrano tutta la loro vulnerabilità alle ripartenze. Al 69' Doukara rileva Antonsson e 7' più tardi i crampi costringono Mowatt a lasciare il campo, al suo posto entra Roofe. Le Wendies ci provano con Hooper, Forestieri e Bannan, ma per Green c'è solo normale amministrazione. Anche Doukara prova a mettere il proprio nome sul tabellino, ma all'84' il suo diagonale finisce a lato. All'85' il Leeds chiude i conti: cross di Roofe dalla sinistra per Wood che da pochi passi non sbaglia. L'away stand può iniziare la festa: il derby è del Leeds.


Formazioni

Sheffield Wednesday: Westwood, Pudil, Lees, Hutchinson, Lee, Abdi (Hooper 45), Hunt (Buckley 72), Wallace (Jones 64), Bannan, Forestieri, Fletcher. Subs: Wildsmith, Palmer, Joao, Sasso.

Leeds United: Green, Ayling, Cooper, Bartley, Taylor, Bridcutt, Vieira, Mowatt (Roofe 77), Sacko (Phillips 87), Antonsson (Doukara 69), Wood. Subs: Silvestri, Coyle, Bamba, Hernandez.

Marcatori: Antonsson al 63', Wood al 85'.

venerdì 19 agosto 2016

Esordio vincente per l'Under 23

Parte in quinta l'Under 23 del Leeds United di Jason Blunt che a Elland Road rifila una cinquina al Coventry City, nella prima giornata della Professional Development League. Cambiata la formula, con limite di età portato ai 23 anni, i giovani Whites mettono in mostra 45' di ottima qualità e ribaltano lo 0-2 dei primi 45'. Mulhern, Oduor, Wilks e la doppietta di Stokes regalano i primi 3 punti in classifica.


Leeds United Under 23: Peacock-Farrell, Nicell (Kitching 45), M Taylor, P McKay (Wollerton 87), Pearce (Mulhern 45), Oduor, Shackleton, Whitehouse, Denton, Stokes, Wilks. Subs not used: Richardson, Knight.

giovedì 18 agosto 2016

Alex Purver va in prestito al Guiseley

Il centrocampista 20enne Alex Purver è stato ceduto in prestito al Guiseley, club National League, 5° serie del calcio inglese. Purver vestirà la maglia dei Lions fino al prossimo 2 gennaio ed avrà la possibilità di testarsi “nel calcio” dei grandi. Dopo aver rinnovato il proprio contratto con il Leeds nel mese di luglio, Purver ha giocato alcune amichevoli estive con la prima squadra, prima di tornare con la development squad.

Buona fortuna Alex, see you soon.

Un altro svedese alla corte di Monk: dal Torino arriva Jansson

Dopo l'acquisto di Antonsson un altro svedese sbarca ad Elland Road. Dal Torino, con la formula del prestito (obbligo di riscatto se totalizzerà almeno 20 presenze), arriva infatti il difensore centrale Pontus Jansson. 25 anni e 195 cm di altezza, Jansson è il 10° acquisto estivo e vestirà la maglia numero 18. Come il suo connazionale Antonsson, anche lui ha già lavorato con Pep Clotet, assistente di mister Monk, al Malmo FF.

Cresciuto in patria, ha giocato 5 stagioni con la maglia del Malmo, nell'estate 2014 è passato al Torino. Con i granata ha totalizzato solo 16 presenze in Serie A, chiuso da Maksimovic, Glik e Bovo. Le poche gare disputate non gli hanno però chiuso le porte della nazionale. Jansson era infatti nei 23 che hanno partecipato a Euro 2016.

“E' davvero bello essere qui”, ha detto lo svedese a LUTV. “Ho saputo dell'interessamento del Leeds tre o quattro giorno fa ed ho parlato con gli allenatori. Conosco Pep dai tempi di Malmo, è un ottimo allenatore e una brava persona e non vedo l'ora di tornare a lavorare con lui. Ho bisogno di giocare con regolarità e so che il Leeds è un grande club con ambizioni. Ha anche tantissimi tifosi in Svezia, quindi sono davvero felice di essere qui”.

Jansson completa la batteria di difensori centrali e si giocherà il posto con Cooper, Bartley e Bamba. “Sono un difensore aggressivo e ho sempre dato più del 100% per la squadra in cui ho giocato. Grazie a un passato da attaccante ho anche una buona tecnica e mi piace giocare con la palla. Ho imparato molto nel mio periodo in Italia e sono migliorato tatticamente. Sono sicuramente un giocatore migliore rispetto a quando due anni fa sono passato al Torino”.


Jansson, come anche Bridcutt, saranno a disposizione dei Monk per il derby di sabato contro lo Sheffield Wednesday.

mercoledì 17 agosto 2016

La rovesciata di Wood regala il primo punto

In extremis e con una prodezza di Wood (assente ingiustificato fino ad allora) il Leeds United incamera il primo punto stagionale e interrompe la striscia di sconfitte consecutive. Contro il Fulham, 2 vittorie nelle prime 2 gare, la squadra di Monk crea molte buone occasioni da rete ma patisce tremendamente il palleggio dei Cottagers, capaci di dominare la linea mediana e quindi di tenere per lunghi tratti il pallino del gioco in mano. Decisivi anche i due pali colpiti dagli ospiti, uno per tempo, e la buona gara di Green, autore di un paio di interventi decisivi. Se contro il QPR si era vista una squadra inadatta per la Championship, nelle gare seguenti sono parsi evidenti alcuni miglioramenti, ma serve e servirà ancora tempo per amalgamare al meglio i nuovi (e futuri) acquisti.

Monk conferma l'XI a trazione offensiva, ma effettua 4 cambi rispetto alla gara contro il Birmingham. Davanti a Green torna Cooper al centro della difesa, al fianco di Bartley. Taylor e Ayling sono i due terzini. Phillips sostituisce Vieira nel ruolo di mediano arretrato e con Hernandez forma il duo di centrocampo. Dallas e Roofe occupano gli esterni, con Antonsson ad affiancare Wood.



Formazioni 

Leeds United: Green, Ayling, Cooper, Bartley, Taylor, Phillips, Hernandez (Mowatt 72), Dallas (Vieira 58), Roofe (Sacko 78), Antonsson, Wood. Subs: Turnbull, Coyle, Bamba, Doukara. 

Fulham: Button, Odoi, Madl, Kalas, Sessegnon, Cairney, McDonald, Parker (Tunnicliffe 83), Ayite (Jozabed 88), Aluko, Smith (Woodrow 65). Subs: Joronen, Malone, Ream, Christensen. 

Marcatori: Cairney al 77', Wood al 90'+2